ENZIMI CARDIACI E BIOMARCATORI POCT

Analizzatore automatico Point of Care per test immunologici 

Nexus IB10

Analizzatore immunologico per l’analisi dei principali enzimi cardiaci e biomarcatori

Nexus IB10 è una piattaforma immunochimica per il dosaggio di biomarcatori dedicata al Point Of Care che fornisce al clinico in soli 20 minuti importanti risultati per la gestione del paziente critico di terapia intensiva, pronto soccorso e reparti specialistici.
Oltre alle analisi degli enzimi cardiaci, PCT e D-Dimero, IB10 offre nuovi marcatori altamente predittivi per Sepsi, AKI, danno endoteliale e multi-organo.

CARATTERISTICHE

  • Veloce e completamente automatico
    Fino a 3 analiti in soli 20 minuti. Calibrazione interna completamente automatica.
  • Sangue intero
    Nessun pre-trattamento del campione per la separazione plasmatica.
    La centrifugazione avviene automaticamente all’interno del sistema.
  • Elevata qualità dei risultati
    Controllo sistematico di tutte le fasi di analisi.Il rotore include anche un QC interno positivo per garantire che il sistema funzioni correttamente.
  • Semplice ed intuitivo
    Touch screen a colori con icone intuitive con istruzioni step by step.
  • Efficace e pronto all’uso
    Rotori pronti all’utilizzo.
    Esecuzione test in un solo passaggio
  • Alta portatilità
    I risultati possono essere stampati direttamente tramite la stampante on-board o inviati all’LIS/HIS via WI-FI.

NEXUS IB10

WHEREVER YOU NEED 

La batteria interna ricaricabile rende Nexus IB10 utilizzabile su tutti i mezzi di soccorso in movimento come elicotteri e ambulanze e in tutti i contesti sanitari di emergenza.

IB10 - ENZIMI CARDIACI E BIOMARCATORI

NEXUS IB10 | PROCEDURA OPERATIVA

3 semplici passaggi

Applicare 500 µL di campione nel pozzetto del rotore

Inserire il rotore nello strumento

Attendere 20 minuti per la stampa dei risultati

Sphingotec, società biotech tedesca, tra i cui fondatori annovera il Dr. Andreas Bergmann –  «padre» della Procalcitona – ha identificato la sua missione nella riduzione della mortalità dei pazienti critici in terapia intensiva.

Nexus IB10

PenKid®| Bio ADM®| DPP3

 

L’impegno di Sphingotec ha introdotto 3 nuovi biomarcatori brevettati da utilizzare in terapia intensiva per diagnosticare, predire e monitorare i principali fattori di mortalità come sepsi, insufficienza cardiaca acuta, perdita della funzione endoteliale, shock circolatorio e danno renale acuto (AKI), al fine di supportare il clinico nella gestione del paziente e fornire una guida per l’induzione e l’escalation della terapia.

IB10 sphingotest® penKid®

penKid® determina quantitativamente il frammento stabile dell’ormone encefalina che stimola la funzionaità renale. L’aumento e la diminuzione dei valori di penKid® rivelano un peggioramento o un miglioramento della funzione renale indipendentemente dall’infiammazione o da qualsiasi altra comorbidità.

penKid® consente la predizione, la diagnosi e il monitoraggio del danno renale acuto (AKI) fino a 2 giorni prima della creatinina sierica.

BENEFICI

  • Guida alla somministrazione di farmaci nefrotossici
  • Guida alla terapia renale sostitutiva
  • Identificazione dei pazienti a rischio

IB10 sphingotest® bio-ADM®

L’Adrenomedullina bioattiva è un ormone di controllo della barriera endoteliale. Bio-ADM® misura la frazione bioattiva rilasciata dalle cellule endoteliali verificando l’integrità vascolare – molto importante per il controllo della pressione arteriosa e la perfusione d’organo. La misurazione quantitativa di Bio-ADM® nel plasma fornisce informazioni tempestive sul trattamento decongestizio, in caso di insufficienza cardiaca acuta e somministrazione di vasopressori in pazienti a rischio di shock o shock settico

BENEFICI

  • Anticipa fino a 2 giorni l’insorgenza dello shock settico
  • Guida all’escalation o modifica della terapia antibiotica
  • Predice la congestione residua in pazienti con insufficienza cardiaca acuta

IB10 sphingotest® DPP3®

Il Dipeptidyl Peptidase 3 (DPP3) è un enzima intracellulare. In uno stato di malattia, la morte cellulare provoca il rilascio incontrollato di DPP3 che inattiva il sistema angiotensina II e encefalina con conseguente disfunzione d’organo a breve termine.

Livelli crescenti di DPP3 nel plasma indicano un rischio elevato di instabilità emodinamica associato ad un alto rischio di mortalità.

BENEFICI

  • Guida per l’induzione o l’escalation della terapia
  • Stratificazione di pazienti ad alto rischio per sviluppare disfunzione d’organo a breve termine
  • Monitoraggio del successo del trattamento

Nexus IB10 | Ampio pannello di test

Kit Sphingotest®

 

Oltre agli innovativi biomarcatori, la piattaforma Nexus IB10 si completa di un’ampia gamma di applicazioni diagnostiche consolidate nella routine dei reparti di emergenza.

IB10 sphingotest® PCT  

Per la determinazione quantitativa della Procalcitonina (range 0.3 µg/L – 10µg/L)

IB10 sphingotest®
Troponin-99

Per la determinazione quantitativa in della Troponina I (cTnI)

IB10 sphingotest®
NT-proBNP

Per la determinazione quantitativa della dell’NT-proBNP

IB10 sphingotest® D-Dimer

Per la determinazione quantitativa della dei prodotti di degradazione della fibrina contenenti D-Dimero

IB10 sphingotest® Shortness of Breath

Per la determinazione quantitativa simultanea di Troponina I (cTnI), NT-proBNP e D-Dimero

IB10 sphingotest® 3-in-1 Cardiac

Per la determinazione quantitativa simultanea di Troponina I (cTnI), CK-MB e Mioglobina

IB10 sphingotest® TSH

Per la determinazione quantitativa dell’ormone stimolante tiroideo (TSH

IB10 sphingotest® beta-hCG

Per la determinazione quantitativa in della Gonadotropina corionica umana (beta-hCG)